Area ex macello e liceo Depero di Rovereto: 11 anni per decidere di non decidere, è uno scempio inaccettabile!

Nell’ormai lontano 2008 la Provincia decideva di trasformare l’ area adiacente all’Istituto Milanesi a San Giorgio di Rovereto (dal 2016 area ex Macello) nella nuova sede del liceo artistico Fortunato Depero. Per fare ciò si prevedevano una spesa di 18 milioni di euro e la conclusione dei lavori per l’anno 2018… siamo nel 2019 e quindi la nuova scuola sarà ormai piena di studenti, giusto?

Sbagliato. A oggi del nuovo liceo artistico non è stata posata una sola pietra.

Visto come girava, i residenti di San Giorgio hanno proposto una petizione per trasformare l’area ex macello in un parco con annessi alcuni parcheggi. La scorsa legislatura i cittadini avevano ascoltato le proposte di consiglieri provinciali e dell’assessore competente, ma di risposte oggi come allora non ce n’è nemmeno l’ombra, e questo è un problema sia per i firmatari della petizione che per gli studenti (e quindi le loro famiglie) che frequentano il Depero, un liceo passato dai 20 studenti del 1987 ai 350 odierni (più un ottantina di docenti).

Che sia una situazione inaccettabile è sotto gli occhi di tutti e per questo ieri ho interrogato a riguardo il presidente della Provincia. La risposta? Al di là delle parole si capisce che non hanno ancora un’idea precisa su cosa fare (del resto dal 2008 a oggi sono passati solo 11 anni… non vorremo mettergli fretta, vero?). Forse spostare il Depero nell’area ex Gil, forse mantenere il progetto del 2008, forse… chissà.

È chiaro che bisogna darsi una svegliata. Se si vuole cambiare progetto e spostare il Depero all’area ex Gil allora bisogna sbloccare l’incartamento aggiornando il protocollo d’intesa con il comune di Rovereto e procedere con la progettazione e i relativi investimenti per costruire la nuova sede e per liberare l’area ex Macello trasformandola a parco, come richiesto dai cittadini. Se invece invece la volontà è di costruire il nuovo Depero presso l’area ex Macello dando corso al progetto esecutivo predisposto nel 2012 grazie anche alla collaborazione di un ex dirigente, che del resto lo ha pure ammesso, allora lo si dica apertamente.

I firmatari della petizione – ma più in generale i cittadini di Rovereto – hanno diritto di avere una risposta così come gli studenti (di oggi e di domani), i professori e i dirigenti del Depero hanno diritto a un istituto moderno, accogliente e capace di rispondere alle loro esigenze didattiche e d’apprendimento.

La maggioranza provinciale è composta da persone che amano presentarsi agli elettori come quelli del fare ma come ho già detto in passato, più che altro sono la maggioranza del rinviare e i casi dell’area ex macello e del liceo artistico Depero di Rovereto ne sono solo l’ennesima prova.

* * * * *

Question time n. 903/XVI “Sull’ipotesi di collocazione del liceo Depero presso l’area ex Macello di San Giorgio a Rovereto”

Nell’aprile del 2016 veniva abbattuto l’edificio dell’ex macello di San Giorgio. Nel giugno 2017 veniva siglato un protocollo tra Provincia e Comune di Rovereto in cui si considerava il luogo liberato dalla struttura quale possibile area per la localizzazione del Liceo Artistico Depero. Nel dicembre 2017 l’assessore comunale competente, rispondendo a una richiesta di conversione dell’area in un parco urbano, specificava che si tratta di una proprietà provinciale e che ogni utilizzo dell’area deve prima passare da una scelta urbanistica che consenta un utilizzo, seppure provvisorio, diverso dall’attuale destinazione che è di servizi per istruzione. Aggiungeva che l’amministrazione aveva intenzione di coinvolgere i residenti e i soggetti che studiano o lavorano nell’area nella definizione della destinazione d’uso dell’area come si fa sempre nella corretta pianificazione urbanistica. Nel maggio 2018 veniva approvata la relazione conclusiva in ordine alla discussione sulla petizione 26/XV. In quella sede emergeva chiaramente la disponibilità dell’allora assessore provinciale agli enti locali a convertire l’area in una parco e a costruire dei parcheggi per i residenti e per i fruitori dell’area, rimandando tuttavia le scelte urbanistiche all’amministrazione comunale. A tal riguardo si interroga la Giunta per sapere se l’ipotesi di collocare il Liceo Depero presso l’area ex macello sia stata definitivamente scartata e quale sia l’esito finale del confronto con il Comune di Rovereto in ordine alle scelte urbanistiche sollecitate dalla cittadinanza

Qui la sintesi della risposta dell’assessore Spinelli (fonte: Ufficio Stampa del Consiglio provinciale):

La risposta (link video). L’assessore Spinelli ha chiarito che la soluzione iniziale di collocale il Liceo Depero nell’area ex Macello di San Giorgio ha un costo stimato di 17 milioni di euro circa. Successivamente, su sollecitazione del Comune si è verificata una soluzione alternativa con realizzazione di parcheggio e parco e costi stimati pari a 23,5 milioni di euro. Aldilà dei costi, però, pare che l’ipotesi iniziale risponda meglio alle esigenze didattiche e dunque la soluzione sull’area ex Macello non sia da considerare definitivamente scartata.

RISPOSTA DELL’ASSESSORE SPINELLI (LINK VIDEO)

One Reply to “Area ex macello e liceo Depero di Rovereto: 11 anni per decidere di non decidere, è uno scempio inaccettabile!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...