Sistema di raccolta delle firme elettronica. Il Consiglio regionale snobba la decisione del Comitato dei Diritti Umani dell’ONU

Democrazia? No grazie. Ai nostri politici in carriera importa di comandare e qualsiasi proposta per dar voce ai cittadini è da loro vista come una minaccia all’unica cosa alla quale tengono davvero: il potere.

Il 17 giugno scorso è stata discussa la proposta per impegnare la Giunta regionale ad adottare i provvedimenti di competenza al fine di predisporre un sistema di raccolta elettronica delle sottoscrizioni, compresi i servizi di hosting e il software, che consenta il caricamento delle sottoscrizioni raccolte per via elettronica o su carta per promuovere iniziative popolari, referendum e per la presentazione delle liste dei candidati alla carica di consigliere comunale disciplinata dal codice degli enti locali del Trentino-Alto Adige.
Continua a leggere “Sistema di raccolta delle firme elettronica. Il Consiglio regionale snobba la decisione del Comitato dei Diritti Umani dell’ONU”

Consiglio regionale. Per far fronte al Covid e per rispondere alle sollecitazioni ONU, M5S propone: voto per corrispondenza, raccolta firme elettronica e ampliamento soggetti autenticatori delle firme

Nel novembre scorso l’Italia è stata sanzionata con decisione del Comitato dei Diritti Umani dell’ONU per la violazione del Patto Internazionale dei Diritti Civili e Politici. Si tratta, detto per inciso, di una convenzione firmata dall’Italia nel 1967 e ratificata nel 1978. Nella decisione si mettevano in evidenza i limiti della normativa e della prassi vigenti in Italia che pongono  irragionevoli restrizioni alla partecipazione alla direzione degli affari pubblici, personalmente o attraverso rappresentanti liberamente scelti. La decisione è la diretta conseguenza di un ricorso presentato da Mario Staderini e Michele De Lucia nel 2015, con il supporto del professor Cesare Romano, per gli ostacoli normativi e burocratici che impediscono l’esercizio del diritto a promuovere referendum a livello statale. Continua a leggere “Consiglio regionale. Per far fronte al Covid e per rispondere alle sollecitazioni ONU, M5S propone: voto per corrispondenza, raccolta firme elettronica e ampliamento soggetti autenticatori delle firme”

Nei prossimi mesi il disegno di legge sulle grandi derivazioni idroelettriche arriva in aula

Il 6 e il 10 marzo scorsi si sono svolte le audizioni in ordine dal disegno di legge di iniziativa giuntale sulle grandi derivazioni idroelettriche. Le audizioni hanno portato all’attenzione numerosi elementi riguardo alle problematiche economiche ed ecologiche che saranno utili alla discussione che si svolgerà in aula nei prossimi mesi e questo è motivo di grande soddisfazione visto che buona parte dei soggetti sono stati invitati su richiesta espressa del M5S.

Continua a leggere “Nei prossimi mesi il disegno di legge sulle grandi derivazioni idroelettriche arriva in aula”

Diritti fondamentali. Grazie al M5S la provincia di Trento si conforma alla Dichiarazione dei diritti in Internet

Con l’approvazione del provvedimento normativo #ripartitrentino il Movimento 5 Stelle è riuscito a portare sul tavolo della discussione anche il tema dei diritti fondamentali ed in particolare dei diritti collegati alla rivoluzione informatica e all’avvento di Internet, uno spazio che tra gli effetti virtuosi ha quello di favorire l’informazione, l’autorganizzazione e la partecipazione individuale e collettiva ai processi democratici e l’eguaglianza sostanziale.

Continua a leggere “Diritti fondamentali. Grazie al M5S la provincia di Trento si conforma alla Dichiarazione dei diritti in Internet”

Approvato un ordine del giorno del M5S per dar voce ai cittadini sulla crisi Covid-19

Uno dei 2 ordini del giorno del M5S collegati al disegno di legge #ripartitrentino (ddl 55 su emergenza Covid-19) e approvati dal Consiglio provinciale riguarda le assemblee dei cittadini che dovranno essere chiamate a fornire proposte alle Istituzioni su cambiamenti climatici e crisi socioeconomica connessa all’emergenza epidemica da Covid-19.

Continua a leggere “Approvato un ordine del giorno del M5S per dar voce ai cittadini sulla crisi Covid-19”

Esenzione fiscale per l’occupazione di suolo pubblico per le raccolte firme volte a promuovere petizioni, referendum ed iniziative dei cittadini europei

Il 13 febbraio scorso presentavo un’interrogazione per chiedere alla Provincia di informare i Comuni e i cittadini in merito all’esenzione fiscale per l’occupazione di suolo pubblico per la raccolta di firme finalizzate a promuovere petizioni, referendum ed iniziative dei cittadini europei. Lo scopo principale dell’interrogazione era quello di rimuovere ogni ostacolo per la raccolta delle firme sulla proposta di referendum per l’istituzione del referendum sul biodistretto agricolo trentino e su altre iniziative civiche di vario tipo.

Continua a leggere “Esenzione fiscale per l’occupazione di suolo pubblico per le raccolte firme volte a promuovere petizioni, referendum ed iniziative dei cittadini europei”

Dal M5S Trentino una quarantina di emendamenti e due ordini del giorno per uscire dalla crisi senza prestare il fianco alla criminalità

Sabato in Consiglio provinciale sarà discusso il disegno di legge che dovrà servire ad aiutare il Trentino a far fronte alla crisi sanitaria ed economica causata dal Covid-19. In questa fase servono pragmatismo e risposte rapide ma anche cautela, altruismo e senso di responsabilità. Per questo, pur ritenendo il Ddl della giunta in gran parte inadeguato, compiendo un atto di fiducia verso la maggioranza il M5S trentino ha deciso di provare a migliorarne il testo senza far ricorso a pratiche ostruzionistiche.

Continua a leggere “Dal M5S Trentino una quarantina di emendamenti e due ordini del giorno per uscire dalla crisi senza prestare il fianco alla criminalità”

Covid-19: la strada per uscire dalla crisi sarà lunga. Le istituzioni provinciali si attrezzino!

A causa delle chiusure imposte dalla pandemia, a livello provinciale si prospetta un calo di circa il 10% del prodotto interno lordo annuo (per essere precisi, la riduzione è stimata fra il 9% e il 13%). Va da sé che la situazione è grave e va affrontata con risolutezza e con una programmazione chiara e precisa. Di fronte alla situazione che stiamo già vivendo oggi e con i numeri che si prospettano, navigare a vista sarebbe suicida. Continua a leggere “Covid-19: la strada per uscire dalla crisi sarà lunga. Le istituzioni provinciali si attrezzino!”

Dalle “Leggi per voi” alle “Leggi con voi”: in arrivo opuscolo informativo per favorire la conoscenza degli istituti di partecipazione popolare

Il 4 marzo scorso il Consiglio provinciale ha approvato all’unanimità una proposta di mozione a mia prima firma (170/XVI) per predisporre un opuscolo informativo con il fine di illustrare le modalità di attivazione e il funzionamento degli istituti di partecipazione popolare e delle figure di garanzia dei diritti fondamentali dei cittadini con particolare focus su quelli previsti a livello provinciale e locale.

Continua a leggere “Dalle “Leggi per voi” alle “Leggi con voi”: in arrivo opuscolo informativo per favorire la conoscenza degli istituti di partecipazione popolare”

Prima videoconferenza tra Giunta provinciale e consiglieri di minoranza dell’era Covid-19: il mio punto di vista

Oggi per la prima volta dal Consiglio provinciale di inizio marzo, e con l’eccezione del Consiglio straordinario del 19 a cui non tutti, io incluso, hanno potuto partecipare, si è svolta una videoconferenza tra i consiglieri provinciali, la giunta provinciale e i vertici della sanità e della protezione civile trentine. Si tratta della prima occasione in cui abbiamo potuto ricevere informazioni di prima mano da chi sta gestendo l’emergenza sanitaria. Fino ad ora infatti siamo stati totalmente esclusi da ogni comunicazione e privati delle informazioni di base necessarie allo svolgimento del nostro mandato.

Continua a leggere “Prima videoconferenza tra Giunta provinciale e consiglieri di minoranza dell’era Covid-19: il mio punto di vista”