Facciamo EcoScuola, dagli eletti del M5S quasi 70 mila euro a 6 scuole del Trentino-Alto Adige

Sono stati resi definitivi in queste ore i risultati di “Facciamo EcoScuola”, l’iniziativa a sostegno della scuola pubblica italiana promossa e finanziata dal M5S grazie alle restituzioni dei suoi parlamentari (oltre 3 milioni di euro) e a quelle dei consiglieri eletti nel Lazio, in Emilia Romagna, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Trentino-Alto Adige e Sardegna (circa 300 mila euro). Continua a leggere “Facciamo EcoScuola, dagli eletti del M5S quasi 70 mila euro a 6 scuole del Trentino-Alto Adige”

Emergenza Covid-19. Modi, tempi e forme della ripartenza delle scuole vanno condivisi

Nei giorni scorsi il garante di minori Biasi ha inviato una lettera appello ai consiglieri provinciali in merito alle gravi conseguenze che la crisi pandemica ha prodotto a danno di soggetti deboli come i bambini e i giovani. Le medesime conseguenze sono state illustrate in in maniera più dettagliata in data odierna (7 luglio) nella competente commissione consiliare.

Continua a leggere “Emergenza Covid-19. Modi, tempi e forme della ripartenza delle scuole vanno condivisi”

Facciamo EcoScuola: premiati dal MoVimento 5 Stelle cinque progetti delle scuole del Trentino Alto Adige

Il 15 maggio si è conclusa la consultazione attraverso la quale gli iscritti abilitati al voto alla piattaforma Rousseau hanno potuto decidere a quali progetti, tra quelli presentati dagli istituti scolastici della propria regione nell’ambito dell’iniziativa “Facciamo Ecoscuola”, destinare gli oltre 3 milioni ricavati dal taglio stipendi dei portavoce parlamentari e dei consiglieri regionali del MoVimento 5 Stelle. Continua a leggere “Facciamo EcoScuola: premiati dal MoVimento 5 Stelle cinque progetti delle scuole del Trentino Alto Adige”

Scuola, M5S: al via Facciamo EcoScuola. Grazie a restituzioni M5S 67.995,74 euro per progetti nelle scuole del Trentino-Alto Adige

Facciamo Ecoscuola entra nel vivo con la selezione dei progetti presentati dalle scuole di tutta Italia per ricevere fondi che saranno spesi per avviare progetti di sostenibilità ambientale. I numeri parlano chiaro: oltre 1000 progetti pervenuti, oltre 3 milioni di euro derivanti dal taglio stipendi dei parlamentari e dei consiglieri regionali del MoVimento saranno donati agli istituti per la realizzazione del proprio progetto. Continua a leggere “Scuola, M5S: al via Facciamo EcoScuola. Grazie a restituzioni M5S 67.995,74 euro per progetti nelle scuole del Trentino-Alto Adige”

Educazione civica sì… ma solo a chiacchiere

In Trentino l’educazione civica si fa con le parole e non con i fatti. La scorsa estate avevamo proposto che si investissero poche decine di migliaia di euro per sostenere lo studio dell’educazione civica nella nostra Provincia. L’emendamento che però era stato bocciato senza spiegazioni. Allora il M5S aveva presentato una lunga e dettagliata interrogazione con cui chiedeva ai governanti provinciali almeno di valutare la predisposizione di un libretto informativo per spiegare ai ragazzi delle elementari e delle medie il funzionamento e le possibilità offerte dagli istituti referendari locali e dagli altri strumenti di partecipazione. La risposta è arrivata qualche giorno fa… un paio di paginette scarse per ribadire che va tutto bene com’è adesso e tanti saluti.

Continua a leggere “Educazione civica sì… ma solo a chiacchiere”

Con “Facciamo EcoScuola” il M5S investe 3 milioni di euro per migliorare la scuola pubblica

In questi giorni il M5S ha attivato l’iniziativa Facciamo EcoScuola, il cui obiettivo è finanziare i progetti a scopo di ecosostenibilità presentati da tutte le scuole pubbliche d’Italia. Il regolamento stabilisce che ogni istituto scolastico possa presentare un progetto richiedendo fino a un massimo di 20.000 euro (naturalmente questo non impedisce di presentare progetti per importi inferiori). L’ultimo giorno utile per inviare la propria proposta sarà il 15 gennaio 2020 (SCADENZA POSTICIPATA AL 29 FEBBRAIO 2020). Continua a leggere “Con “Facciamo EcoScuola” il M5S investe 3 milioni di euro per migliorare la scuola pubblica”

Ho visitato l’istituto don Milani di Rovereto. È una scuola che sta facendo la sua parte per combattere violenza e bullismo

Qualche giorno fa la stampa aveva dato grande risalto ad alcuni fatti di violenza avvenuti all’istituto don Milani di Rovereto. Avevo preso subito posizione in merito, ritenendo che la scuola dovesse intervenire per affermare con forza da che parte stesse la ragione e dove invece fosse il torto sottolineando l’assoluta inammissibilità di certi comportamenti. Dopo aver visitato la scuola ed incontrato il dirigente scolastico posso dire di aver trovato che le mie preoccupazioni erano condivise e che il don Milani è un’ottima scuola, dotata di un corpo studentesco sano e di eccellenti insegnanti che hanno ben chiara la strada da seguire per risolvere con giustizia la grave situazione verificatasi loro malgrado. Continua a leggere “Ho visitato l’istituto don Milani di Rovereto. È una scuola che sta facendo la sua parte per combattere violenza e bullismo”

Area ex macello e liceo Depero di Rovereto: 11 anni per decidere di non decidere, è uno scempio inaccettabile!

Nell’ormai lontano 2008 la Provincia decideva di trasformare l’ area adiacente all’Istituto Milanesi a San Giorgio di Rovereto (dal 2016 area ex Macello) nella nuova sede del liceo artistico Fortunato Depero. Per fare ciò si prevedevano una spesa di 18 milioni di euro e la conclusione dei lavori per l’anno 2018… siamo nel 2019 e quindi la nuova scuola sarà ormai piena di studenti, giusto?

Continua a leggere “Area ex macello e liceo Depero di Rovereto: 11 anni per decidere di non decidere, è uno scempio inaccettabile!”

Concorsone insegnanti scuole materne: no alla discriminazione delle maestre assunte col part time!

È giusto negare ad una persona con 10, 15 o anche 20 anni di esperienza lavorativa la possibilità di passare da un contratto part time ad uno full time facendola magari scavalcare da colleghi con meno esperienza? Evidentemente no, eppure è quello che sta per accadere agli insegnanti delle scuole dell’infanzia trentine assunti a tempo indeterminato ma con contratti part time. Il bando del prossimo concorso per la stabilizzazione infatti andrà ad assegnare (anche) i posti full time rimasti scoperti ma stabilisce che non vi potranno prendere parte gli insegnanti già assunti a tempo indeterminato. Questo in pratica significa che quegli insegnanti che lavorando nella scuola dell’infanzia anche da 20 anni, stabilizzati con un contratto part time solo nel 2014 e che da tempo vorrebbero adeguare la loro forma contrattuale passando da tempo parziale a tempo pieno non potranno farlo e si troveranno scavalcati da colleghi in gran parte meno esperti di loro.

Continua a leggere “Concorsone insegnanti scuole materne: no alla discriminazione delle maestre assunte col part time!”