Garibaldi in Val di Ledro. Il Consiglio provinciale approva ordine del giorno per la valorizzazione storico/turistico/culturale dei luoghi delle battaglie della Terza Guerra di Indipendenza

Oggi il Consiglio provinciale ha approvato un ordine del giorno del M5S col quale si impegna la giunta provinciale a promuovere turisticamente i luoghi delle battaglie della Terza Guerra d’Indipendenza e in particolare la piana di Santa Lucia in val di Ledro, dove si svolse la famosa battaglia di Bezzecca fra le truppe dell’impero austroungarico e quelle garibaldine. L’idea è di sviluppare eventi ed iniziative che coinvolgano enti ed Istituzioni come il Muse, il Ministero della Difesa e la Fondazione Garibaldi per commemorare e approfondire le vicende e i fatti d’arme che si svolsero tra la valle del Chiese e la val di Ledro nel contesto della Terza Guerra d’Indipendenza. Continua a leggere “Garibaldi in Val di Ledro. Il Consiglio provinciale approva ordine del giorno per la valorizzazione storico/turistico/culturale dei luoghi delle battaglie della Terza Guerra di Indipendenza”

In Val Monastero alla scoperta della democrazia diretta elvetica

Domanda: Perché oggi soci e simpatizzanti di Più Democrazia in Trentino sono nel Cantone dei Grigioni in Svizzera?

Risposta: Per incontrare la vicesindaca del comune di Val Monastero Gabriella Binkert Becchetti e farci raccontare come funzionano le istituzioni elvetiche. È un mondo tanto vicino a noi geograficamente quanto lontano da noi per quanto riguarda lo stato dell’avanzamento democratico. Continua a leggere “In Val Monastero alla scoperta della democrazia diretta elvetica”

Interrogazione sugli enigmi urbanistici di Villa Margon

Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018 il M5S si era occupato delle vicende urbanistiche di Villa Margon. In tal senso era stata presentata una serie di atti di sindacato ispettivo presentati a livello comunale per fare luce su una questione particolarmente complessa. Di queste interrogazioni solo una ha avuto risposta (366/2018 – Strada di penetrazione e occupazione permanente in Ravina) mentre altre sono rimaste inevase. A distanza di più di un anno ho dunque ritenuto doveroso riprendere la questione  a livello provinciale. Sono partito dal lavoro già svolto, ponendo i medesimi quesiti ancora senza risposta alla Giunta provinciale, sperando di sollecitarla a promuovere le verifiche di sua competenza rispetto all’iter amministrativo adottato riguardo alle procedure di rilascio delle concessioni. Continua a leggere “Interrogazione sugli enigmi urbanistici di Villa Margon”