Decreto Crescita. Più di 9 milioni di euro ai comuni trentini con norma Fraccaro

Grazie alla “Norma Fraccaro” ai Comuni Trentini andranno poco meno di 9,5 milioni di euro per interventi di efficientamento energetico, messa in sicurezza e mobilità sostenibile. Un altro segnale del cambiamento reale e tangibile in atto nel Paese. Il M5S è a favore di dello sviluppo, ma vuole che esso sia all’insegna della modernità e che nessuno sia lasciato indietro.

La “Norma Fraccaro” è stata inserita all’articolo 31 del Decreto Crescita nel 2019 il Ministero dello Sviluppo Economico per volontà del ministro da cui prende il nome, Riccardo Fraccaro. Essa assegna un totale di 500 milioni di euro a tutti i Comuni italiani in proporzione alla popolazione, con quelli fino a 5 mila abitanti che otterranno ciascuno 50 mila euro mentre quelli con oltre 250 mila abitanti avranno contributi per  250 mila euro.

Per la Provincia di Trento questo si tradurrà in stanziamenti totali per 9 milioni 430 mila euro, suddivisi in 7,8 milioni ai 156 Comuni con meno di 5 mila abitanti, 980 mila euro per i 14 Comuni con una popolazione compresa fra i 5 ed i 10 mila abitanti, 180 mila euro per i 2 Comuni (Arco e Riva del Garda) fra i 10 ed i 20 mila abitanti, 260 mila euro per i 2 Comuni (Rovereto e Pergine Valsugana) fra i 20 ed i 50 mila abitanti e infine 210 mila euro per l’unico Comune con una popolazione fra i 100 e i 250 mila abitanti (Trento).

Queste risorse potranno essere utilizzate per realizzare opere che migliorino il risparmio energetico negli edifici pubblici e, laddove necessaria, la loro messa in sicurezza. Potranno essere finanziati anche progetti di mobilità sostenibile, per l’abbattimento delle barriere architettoniche o l’installazione di impianti per produrre energia da fonti rinnovabili. Le amministrazioni comunali potranno anche finanziare più opere, a patto di non aver già ottenuto finanziamenti e che questi interventi vadano ad aggiungersi a quelli già in programma. Per accedere ai finanziamenti esiste però un limite temporale preciso. Per poter ricevere il sostegno del Governo i Comuni dovranno infatti dare inizio ai lavori entro ottobre. Poiché il Trentino Alto Adige è una Regione autonoma a statuto speciale, lo Stato provvederà a versarle i finanziamenti stabiliti che di seguito essa procederà a girare ai Comuni.

Ringrazio il Governo e in particolare il ministro Fraccaro per il sostegno e la visione che hanno dimostrato nei confronti di tutte le comunità italiane gli oltre 9,4 milioni di euro messi a disposizione dei Comuni trentini sono un sostegno importante che li aiuterà ad avviare o a rafforzare la modernizzazione delle proprie strutture o lo sviluppo di una mobilità finalmente a misura d’uomo. Il mio impegno sarà di verificare che queste risorse vengano impiegate nel migliore dei modi, evitando quegli sprechi o spese inutili i cui esempi purtroppo non mancano nemmeno in Trentino.

investimenti comuni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...