Festa Provinciale dell’Emigrazione: due giorni per ricordare il passato e prepararsi al futuro!

Tra ieri ed oggi ho partecipato alla festa provinciale dell’emigrazione che quest’anno si svolge a Storo. L’evento è stato (ben) organizzato dal Servizio attività internazionali della Provincia in collaborazione col Comune di Storo, la “Società Americana” di Storo, l’associazione Trentini nel Mondo e l’Unione delle famiglie trentine all’estero.

La piana di Storo vista da sopra San Lorenzo

Nella giornata di venerdì c’è stata l’inaugurazione di una mostra in merito all’intervento dei militari brasiliani in Italia. Come riportato dalle testimonianze di figli e nipoti, tra i soldati provenienti dal Paese latinoamericano impegnati sul fronte italiano ce n’erano tanti di origini trentine. È stato un onore assistere all’inaugurazione, e ho avuto anche l’opportunità di “incontrare” vecchi amici, visto che il curatore della mostra è Danilo d’Attanasio, che conosco da anni, mentre l’idea di realizzarla è nata anche su impulso del carissimo amico di Rio dos Cedros Oscar Lenzi, col quale ho avuto la fortuna e il piacere di lavorare tra il 2012 e il 2013 quando ero impiegato come commerciale estero negli Stati del Paranà Santa Caterina e Rio Grande do Sur, nel sud del Brasile. Tornando alla mostra, la consiglio caldamente a tutti coloro che si trovassero a passare per Storo perché è davvero ben fatta, le fotografie sono altamente evocative, mentre le didascalie si distinguono per l’alto contenute storico.

Io e Danilo d’Attanasio

Sempre venerdì ma in serata, ho visionato la ricerca sulle migrazioni degli alunni della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo il Chiese e assistito a una commedia in dialetto storese (ma pure con un intervento in dialetto darzese… un po’ di sano campanilismo ci vuole ogni tanto!), che ha ripercorso la vicenda dell’emigrazione realizzatasi nel secolo scorso da queste terre alle miniere site nel continente americano. Pur dando conto della dura realtà vissuta dai loro avi durante la traversata e dell’accoglienza ricevuta allo sbarco ad Ellis Island, gli scolari hanno saputo cogliere anche gli aspetti più felici legati all’esperienza dell’emigrazione. Molto toccante anche la presentazione dell’esito della sondaggio effettuato tra gli alunni delle elementari di Lodrone in merito alle esperienze e alle sensazioni vissute dai ragazzi provenienti da famiglie immigrate, un percorso che a 100 anni di distanza si ripropone al contrario. Particolarmente azzeccate le modalità del racconto, condotto direttamente dai bambini, che ha suscitato interesse ed emozione in tutti i presenti, sensazioni cui hanno contribuito anche le musiche e le sonorità del coro Amici del Canto, che hanno interpretato canzoni popolari dall’epoca dell’emigrazione.

I bambini di Lodrone leggono i risultati del sondaggio sulle sensazioni dei loro compagni, figli di immigrati

Ai miei occhi la bella e appassionante giornata di venerdì ha contribuito a sfatare tanti luoghi comuni, dimostrando come certi valori siano ancora in grado di generare partecipazione nei giovani, mantenendo vivi legami decennali fra figli, nipoti e pronipoti degli emigranti trentini. Ragionamenti che mi hanno convinto a partecipare al workshop che si è tenuto oggi alla baita degli alpini sita in località San Lorenzo, a Storo.

La baita degli alpini di Storo durante il workshop

Credo che la lezione che mi porterò a casa da questa 2 giorni sia che l’esperienza vissuta dagli immigrati trentini è stata portatrice di valori di profonda umanità e di un patrimonio socioculturale inestimabile. Sono le basi su cui tenere vivo il rapporto affettivo tra trentini residenti ed emigrati, ma anche per cogliere opportunità di sviluppo e di conoscenza che possono aiutare la transizione del sistema socio-economico trentino verso modelli più aperti e dinamici, in grado di affrontare in maniera adeguata le sfide della globalizzazione.

Foto su Facebook

One Reply to “Festa Provinciale dell’Emigrazione: due giorni per ricordare il passato e prepararsi al futuro!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...