Copertura spese legali per esclusione RTI da gara per realizzazione nuova sede municipale di Nago-Torbole

Lunedì scorso ho presentato un’interrogazione provinciale  (256/XVI) per far luce sulla vicenda dell’ingiusta esclusione di un gruppo di imprese dalla gara per realizzare la nuova sede municipale di Nago Torbole.

Come noto, di recente il Comune di Nago e la Provincia di Trento hanno perso una causa amministrativa contro il ricorso presentato dal raggruppamento temporaneo di imprese Damiani – Holz&Ko. Il rischio che ciò avvenisse era stato fatto presente da parte dell’Agenzia Provinciale per gli Appalti e i Contratti (comunicazione protocollo S171/17/543213/NT41864-1854/16, datata 6-10-17) che aveva invitato il Comune di Nago-Torbole  a valutare l’opportunità di non procedere alla stipulazione del contratto con la ditta vincitrice della gara fino all’esito del contenzioso che avrebbe poi visto soccombere l’ente pubblico.

In conseguenza di ciò, ora sorge il dubbio che ci siano cospicui indennizzi da pagare ai ricorrenti, naturalmente con risorse pubbliche.

Il quesito che ho posto al Presidente Fugatti tiene anche in considerazione le dichiarazioni del sindaco di Nago-Torbole, il quale, pur affermando di avere le risorse finanziarie per rimediare grazie alla stipula di un’assicurazione per coprire le spese di lite, ritiene che debba essere la Provincia a pagare per intero le spese legali sostenute finora dalle pubbliche amministrazioni coinvolte.

Segue testo integrale dell’interrogazione 256/XVI:

Interrogazione a risposta scritta n. 256

con sentenza del 15.11.18 il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso in appello iscritto al numero di registro generale 1688 del 2018, proposto da Damiani – Holz&Ko S.p.A. e I.T.I. Impresa Generale S.p.A. contro la provincia di Trento e il Comune di Nago, il Consiglio di Stato, per la riforma della sentenza del T.R.G.A. – della Provincia di Trento n. 305 del 2017, condannando in solido (con ripartizione uguale nei rapporti interni) la Provincia autonoma di Trento e il Comune di Nago Torbole al pagamento a favore del R.T.I. appellante delle spese del doppio grado di giudizio, che liquida in complessivi € 10.000 (€ 5.000 per ciascuna impresa del costituendo raggruppamento temporaneo), oltre agli accessori di legge;

la sentenza pone così fine a un iter giurisdizionale con cui il RTI Damiani-Holz&Ko in cui rilevava che la propria offerta economica per i lavori di realizzazione della nuova sede municipale del Comune di Nago-Torbole era prevalente su quella inoltrata da MAK Costruzioni e che l’anomalia riguardante la presentazione del documento Lista lavorazioni e forniture di cui all’Allegato economico era imputabile all’errato funzionamento del portale telematico della Provincia;

con deliberazione n.16 del 07.02.2019 la giunta comunale di Nago-Torbole ha impegnato la somma di 15.000 Eur al capitolo “Oneri da contenzioso” al fine di liquidare il pagamento della spesa di lite sul ricorso in appello RG 1688/2018 una volta che sarà definito il suo preciso ammontare specificando che in ogni caso la somma sarà rimborsata dalla Società Assicurativa ITAS Mutua in forza della polizza tutela legale;

con riferimento alla vicenda specifica vale la pena ricordare che con comunicazione prot.S171/17/543213/NT41864-1854/16 del 6.10.17 avente ad oggetto “Procedura negoziata per l’affidamento dei Lavori di realizzazione della nuova sede municipale del Comune di Nago-Torbole p.ed. 406 in C.C. Nago Torbole” l’Agenzia provinciale per gli appalti e i contratti invitava il Comune di Nago-Torbole a valutare l’opportunità di non procedere alla stipulazione del contratto fino all’esito del citato contenzioso;

si ricorda inoltre che la mozione discussa nel Consiglio comunale di Nago-Torbole il 7.11.2017 in cui si proponeva di valutare attentamente i rischi finanziari e patrimoniali legati all’eventuale accoglimento del ricorso e se necessario sospendere l’iter di appalto in autotutela in attesa della sentenza del Consiglio di Stato, sottolineando di procedere con estrema cautela per evitare danni erariali, è stata bocciata con parere negativo della Giunta comunale;

per resistere al ricorso in appello, la Giunta provinciale con delibera 353 del 02.03.2018 ha già impegnato la somma complessiva di Euro 2.918,24, sulla base del preventivo di spesa dell’avv. Luigi Manzi dello Studio Legale Manzi e Associati di Roma sul capitolo 151750-003 dell’esercizio finanziario 2018;

sulla stampa locale, a seguito della sentenza, il sindaco del comune di Nago-Torbole ha affermato: Anche il Comune è vittima di Apac, i giudici hanno disapplicato un provvedimento provinciale sulle opere pubbliche. Le spese legali dovrebbero essere pagati per intero dalla Provincia”;

si segnala infine che la sentenza del Consiglio di stato non impedisce che le ditte ingiustamente escluse ora non aprano, davanti al giudice ordinario, la possibilità di chiedere il risarcimento dei danni a Comune e Provincia;

Tutto ciò premesso si interroga il Presidente della Provincia per sapere

quali provvedimenti intenda adottare per tutelare gli interessi patrimoniali della Provincia in conseguenza della sentenza del Consiglio di Stato sul ricorso RG 1688/2018 e delle dichiarazioni del sindaco di Nago-Torbole

2 Replies to “Copertura spese legali per esclusione RTI da gara per realizzazione nuova sede municipale di Nago-Torbole”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...