Specie ittiche autoctone: la Provincia danneggia i pescatori e rifiuta il confronto!

Di recente il Ministero per la Transizione Ecologica ha inviato a tutte le Regioni e Province Autonome un elenco di specie di pesci d’acqua dolce considerati non tipici del territorio e quindi non introducibili nel nostro ambiente. L’elenco di per sé pare utilizzare criteri assai discutibili (si pensi ad esempio alla trota fario, che esiste in italia almeno dalla metà del 1500 ma secondo ISPRA non sarebbe autoctona, perché si ritengono tali solo le specie presenti fin da prima del 1500…), i quali, giustamente, hanno causato sconcerto e reazioni nelle associazioni di pescatori di tutta la penisola, Trentino incluso. Di conseguenza lo Stato ha costituito una commissione, inclusiva dei rappresentanti delle associazioni di pesca, che dovrà rivalutare i criteri. In attesa che ciò avvenga, molte Regioni (quasi tutte nell’arco alpino) hanno ritenuto utile non applicare la circolare ministeriale. Non così il Trentino, dove l’assessore competente ha deciso, per non meglio specificati motivi, di procedere con uno studio valutativo proprio, la cui esecuzione di fatto ha bloccato l’attività delle associazioni, sicuramente fino alla conclusione dello studio, ma soprattutto con la prospettiva che ISPRA dia un parere negativo, quindi bloccando permanentemente la situazione. 

Inoltre, come da deprecabile consuetudine nostrana, benché previsto dall’attuale legge sulla pesca e nonostante le rassicurazioni da parte dell’assessorato e del dirigente dell’Ufficio Faunistico, le associazioni dei pescatori locali non sono state coinvolte nelle decisioni che gravano sulle loro teste.

Questo comportamento ci pare folle, immotivato e suscettibile di creare seri danni, anche economici, a tanti volontari che operano sul nostro territorio arricchendolo.

Per tale motivo come M5S ci siamo attivati presentando un’interrogazione che sollecita la Provincia a procedere ad una revisione dell’elenco delle specie ittiche autoctone, nella speranza che, come sta avvenendo a Roma, anche qui si decida di procedere coinvolgendo le associazioni dei pescatori locali.

È paradossale osservare come lo Stato si stia dimostrando disponibile al confronto con il mondo dell’associazionismo mentre la Provincia Autonoma di Trento, dove si sbandiera ogni 3 per 2 l’Autonomia speciale, a quelle stesse associazioni stia invece sbattendo la porta in faccia!

* * * * *

Segue il testo integrale dell’Interrogazione n. 3462/XVI a risposta scritta “Revisione dell’elenco delle specie ittiche autoctone di interesse alieutico delle acque dolci del territorio provinciale” del 14 febbraio 2022

Il Ministero della transizione ecologica ha inviato alle Amministrazioni di regioni e province autonome la circolare 55247/2021, contenente l’elenco delle specie ittiche autoctone di interesse alieutico delle acque dolci italiane. Come specificato dal Ministero delle politiche agricole e forestali nei chiarimenti all’interrogazione a risposta immediata in commissione 5-06964 (Commissione XIII: Agricoltura), la lista di cui sopra è stata trasmessa agli enti territoriali con una circolare meramente esplicativa e potrà essere soggetta a revisioni per i frequenti cambiamenti tassonomici e nomenclaturali delle specie ittiche che rendono il quadro scientifico estremamente dinamico;

tutto ciò premesso, si interroga il Presidente della Provincia per sapere

  1. se intenda procedere alla revisione dell’elenco delle specie ittiche autoctone di interesse alieutico delle acque dolci del territorio provinciale ed eventualmente in quali modalità;

* * * * *

Segui i canali per restare aggiornato:

2 Replies to “Specie ittiche autoctone: la Provincia danneggia i pescatori e rifiuta il confronto!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...