Consiglio provinciale Trento: nessuna programmazione sul personale e si naviga a vista!

Per funzionare le Istituzioni richiedono personale. Il Consiglio provinciale di Trento (cioè l’organo legislativo della Provincia che per sua natura non può avere connotazione di parte) è sotto organico ormai da anni e di recente ha visto cessare dal servizio 2 ulteriori dirigenti fra cui il segretario generale. Con poche persone a gestire l’intera e vasta macchina del Consiglio è ovvio che si riducono gli spazi per sostenere i singoli consiglieri, specie quelli di minoranza. Infatti chi siede in maggioranza può contare sulle strutture provinciali (che rispondono alla giunta, cioè al potere esecutivo, di ovvia connotazione politica) che al contrario del Consiglio gode di grandi risorse a disposizione, tanto da “prestare” personale al Consiglio stesso.

Quale sia la situazione lo si sa da tempo, non foss’altro perché il sottoscritto denuncia il problema da quando è stato eletto. Anche peggio, perché che ci fossero pensionamenti di figure apicali era noto a tutti e nonostante questo niente è stato fatto per avviare un concorso alla luce del sole o anche solo le procedure del caso per mettere in atto le sostituzioni garantendo il necessario periodo di affiancamento. Al contrario, si è coscientemente scelto di far arrivare la situazione agli sgoccioli in modo da rafforzare la dipendenza del Consiglio (che, giova ribadirlo, deve rappresentare tutti) alla giunta (che come detto è espressione di una parte politica in concorrenza con le altre). Questo è in sostanza il problema in tutta la sua gravità. È il metodo con cui si fanno le cose che diventa sostanza.

Nello specifico della questione, il M5S ha reagito con due atti: un question time con cui abbiamo chiesto al presidente Fugatti se vi fossero dei dirigenti disponibili da prestare “in comando” al Consiglio provinciale e un’interrogazione a risposta scritta (2324/XVI del 18 febbraio “Procedura concorsuale per l’accesso alla qualifica di dirigente presso il Consiglio provinciale”) per chiedere al presidente del Consiglio Kaswalder se siano state avviate le procedure per sostituire i dirigenti cessati dal servizio e per approvare il regolamento concorsuale per la scelta dei nuovi dirigenti.

Le risposte sono state telegrafiche e disarmanti. Il 23 marzo Fugatti ha risposto che ad oggi la Giunta non ha ricevuto richieste per mettere a disposizione del Consiglio personale dirigente e che eventualmente valuterà. Il 24 marzo Kaswalder ha comunicato che l’incarico di segretario generale è stato provvisoriamente coperto dal dirigente del servizio legislativo mentre il ruolo di dirigente del servizio amministrativo sarà coperto per una massimo di 12 mesi dal direttore del servizio stesso. Per quanto riguarda il regolamento Kaswalder ha infine affermato che entro un anno verranno assunte le decisioni per l’adozione del regolamento per l’accesso alla qualifica di dirigente.

Che dire… la speranza è l’ultima a morire ma per ora, pur avendone il tempo si è accuratamente evitato di fare quel che serviva per far funzionare le cose quindi coltivare il dubbio appare più che lecito.

* * * * *

Qui sotto il testo integrale del question time e della risposta all’interrogazione sopra citata:

Question time 2410/XVI del 16 marzo 2021 “Assunzione di ruoli dirigenziali presso il Consiglio provinciale” tramite il quale chiedevamo come si volesse procedere a sostituire i dirigenti vicini alla pensione del Consiglio provinciale:

Nell’interrogazione 2324/XVI, senza risposta alla data di deposito del presente atto, veniva illustrato come dal piano del fabbisogno del personale 2020-2022 del Consiglio provinciale risultasse che nel corso dell’anno 2021 sarebbero cessati dalle loro funzioni il segretario generale del Consiglio provinciale, in comando dalla Provincia, e uno dei 2 dirigenti di ruolo del Consiglio stesso. In data 12 marzo 2021 il giornale online del Consiglio provinciale ha annunciato il sopraggiunto pensionamento del segretario generale del Consiglio. A fronte di quanto sin qui riportato, della necessità di garantire la massima efficienza operativa del Consiglio provinciale e di come non risulti essere stata avviata alcuna procedura concorsuale finalizzata all’assegnazione dei ruoli in procinto di risultare vacanti presso il Consiglio provinciale, si interroga per sapere se, anche al fine di garantire la trasparenza richiesta alle pubbliche Istituzioni, si intenda o meno rendere pubblico l’elenco dei dirigenti provinciali in esubero e adatti a ricoprire il ruolo di dirigente amministrativo e/o di segretario generale del Consiglio provinciale o se si intenda attivare un procedimento per l’attuazione della mobilità inter-enti o pubblicare un avviso per sondare la disponibilità dei dirigenti ad essere distaccati in comando presso il Consiglio provinciale.

* * * * *

Nel video, la risposta del presidente Fugatti e la mia controreplica:

* * * * *

Interrogazione 2324/XVI del 18 febbraio “Procedura concorsuale per l’accesso alla qualifica di dirigente presso il Consiglio provinciale” e relativa risposta fornita il 24 marzo:

In merito al fabbisogno di personale delle amministrazioni pubbliche, il D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 “Norme generali sull’ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche” ed in particolare l’art. 6 (Organizzazione degli uffici e fabbisogni di personale) prevede che: “1. Le amministrazioni pubbliche definiscono l’organizzazione degli uffici per le finalità indicate all’articolo 1, comma 1, adottando, in conformità al piano triennale dei fabbisogni di cui al comma 2, gli atti previsti dai rispettivi ordinamenti, previa informazione sindacale, ove prevista nei contratti collettivi nazionali.”, con rinvio al decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione 8 maggio 2018, recante “Linee di indirizzo per la predisposizione dei piani dei fabbisogni di personale da parte delle amministrazioni pubbliche”;

secondo quanto stabilito dalla legge provinciale sul personale della provincia (LP 3 aprile 1997, n. 7) il piano triennale dei fabbisogni di personale viene aggiornato alla fine di ogni anno, secondo il fabbisogno indicato;

con delibera dell’ufficio di presidenza del Consiglio provinciale n. 76 del 28 novembre 2019 è stato approvato il piano triennale 2019-2021 del fabbisogno di personale del Consiglio provinciale. Come enunciato nelle premesse della delibera: “con la previsione del piano triennale del fabbisogno di personale si intende addivenire ad una definita programmazione e pianificazione dei bisogni delle varie professionalità, il più possibile coerente con le esigenze di funzionamento delle strutture del Consiglio provinciale, sulla base dei principi dell’ottimale impiego delle risorse pubbliche e dell’ottimale distribuzione delle risorse umane;”

con delibera dell’ufficio di presidenza n. 52 del 5 novembre 2020 è stato approvato il piano triennale 2020-2022 del fabbisogno di personale del Consiglio provinciale, ribadendo i medesimi enunciati del piano triennale approvato l’anno precedente;

dall’allegato B del piano del fabbisogno del personale 2020-2022 risulta che al 31.12.2020 erano in dotazione al Consiglio:
– n.1 segretario generale in comando la cui cessazione dell’incarico è prevista nel corso dell’anno 2021;
– n.3 dirigenti di cui 2 di ruolo e 1 in comando. Uno dei 2 dirigenti di ruolo cesserà il servizio nel corso dell’anno 2021;  

il regolamento di organizzazione del Consiglio provinciale (Deliberazione dell’ufficio di presidenza del consiglio 27 febbraio 2018, n. 16), disciplina l’organizzazione degli uffici secondo un principio di autonomia organizzativa, funzionale e contabile riconosciuta al Consiglio dallo Statuto Speciale prevedendo l’articolazione della struttura secondo tre ambiti: segreteria generale; servizi: assistenza aula e organi, legislativo e amministrazione; uffici;

il regolamento organico del personale del Consiglio provinciale, approvato con deliberazione del Consiglio provinciale 4 aprile 2017, n. 5, disciplina l’ordinamento ed il rapporto di lavoro del personale del Consiglio provinciale (art. 2):

l’art. 6 (Accesso all’impiego) del regolamento organico prevede che l’accesso all’impiego presso il Consiglio provinciale avvenga secondo princìpi di imparzialità, tempestività, ed economicità, in linea con il dettato costituzionale. Ai commi 2 e 3 del medesimo articolo si rinvia all’ufficio di presidenza l’adozione di un regolamento per la disciplina di requisiti, criteri e procedure di accesso all’impiego presso il Consiglio e prevede la possibilità di avvalersi, previa apposita convenzione, delle graduatorie di concorso approvate da altri enti pubblici;

l’art. 7 (Qualifica di dirigente e relativo accesso) disciplina l’accesso alla qualifica di dirigente di ruolo che avviene alternativamente mediante concorso pubblico o concorso interno;

diversamente, il successivo art. 8 (Incarico di dirigente di servizio) prevede che, all’atto di conferire l’incarico di direzione di un servizio, l’ufficio di presidenza possa conferire l’incarico ad un soggetto senza specificare alcuna qualifica come requisito specifico, previo accertamento dell’idoneità a ricoprire l’incarico e delle caratteristiche della struttura da dirigere sulla mera base della valutazione del curriculum professionale e formativo, dell’esperienza maturata, nonché del risultato della valutazione. In alternativa, l’incarico può essere conferito a dirigenti della Provincia, o di altre pubbliche amministrazioni, previo comando o a seguito di trasferimento presso il Consiglio provinciale;

l’art. 10 (Incarico di segretario generale) disciplina l’incarico di segretario generale, che è conferito per la durata della consiliatura ed è rinnovabile. L’incarico può essere conferito ad un’ampia gamma di soggetti, financo soggetti estranei all’amministrazione (co. 9);

l’art. 11 (Qualifica di direttore e relativo accesso) disciplina l’accesso alla qualifica di direttore e stabilisce che questo avvenga alternativamente mediante concorso pubblico o concorso interno. Come previsto dal comma 3, l’ufficio di presidenza con propria delibera n. 4 del 16.01.2020 Regolamento sui criteri e la procedura di accesso alla qualifica di direttore del Consiglio provinciale di Trento con concorso pubblico, ai sensi dell’articolo 11 del regolamento organico ha disciplinato i criteri di accesso alla qualifica di direttore per concorso pubblico, mentre nulla viene detto per l’eventuale utilizzo del concorso interno, il quale viene così escluso trattandosi di procedimento alternativo al concorso pubblico;

così come per l’accesso alla qualifica di direttore, l’art. 7. c. 3 prevede che l’ufficio di presidenza disciplini attraverso apposito regolamento i criteri di accesso alla qualifica di dirigente, tuttavia al momento sembrerebbe non essere stato adottato alcun provvedimento in tal senso;

a questo proposito, rileva sottolineare come l’art. 7, che prevede appunto l’espletamento di una procedura concorsuale per l’accesso alla qualifica di dirigente, sembrerebbe in contrasto con il successivo art. 8 che sostanzialmente deroga all’utilizzo di personale incardinato nell’organico del Consiglio in pianta stabile, prevedendo che l’incarico di dirigente possa essere conferito anche a dirigenti della Provincia o a dirigenti di altre pubbliche amministrazioni, previo comando o a seguito di trasferimento presso il Consiglio;

alla luce di quanto espresso, si rileva la necessità di valorizzare il principio di autonomia funzionale ed organizzativa della struttura amministrativa del Consiglio provinciale. A tal fine si ritiene opportuno che le cariche di direttori e dirigenti siano ricoperte da dipendenti in ruolo presso il Consiglio provinciale, come peraltro previsto dal regolamento organico, lasciando a situazioni eccezionali il ricorso a personale in comando o distacco;

si ritiene inoltre che sia necessaria una puntuale programmazione delle procedure da avviare per la sostituzione del segretario generale e di uno dei dirigenti di ruolo che cesseranno servizio nel corso 2021, per non lasciare sguarnite delle posizioni cruciali per il buon funzionamento dei servizi e degli uffici del Consiglio provinciale e per prevedere, laddove possibile, anche tempi di affiancamento dei ruoli nei periodi prossimi alla cessazione di servizio per assicurare il trasferimento delle conoscenze e delle modalità operative;

tutto ciò premesso, si interroga il Presidente del Consiglio provinciale per sapere

  1. se il regolamento approvato con delibera dell’Ufficio di Presidenza n. 4 del 16.01.2020 debba ritenersi valido anche per i concorsi riservati ai dipendenti di ruolo del Consiglio provinciale previsti dalla lettera b), comma 2, dell’art. 11 del Regolamento organico del personale del Consiglio provinciale e, in caso di risposta negativa, se sia in programma l’approvazione di un regolamento apposito;
  2. se siano state avviate le procedure propedeutiche all’adozione del regolamento previsto dal comma 3 dell’art. 7 del Regolamento organico del personale del Consiglio provinciale per definire i criteri e la procedura di accesso alla qualifica di dirigente e, in caso di risposta negativa, se intenda adottare le iniziative di competenza per avviare l’iter per la predisposizione del regolamento ed in che termini intenda farlo;
  3. con quali modalità fra quelle previste dall’art.10 del Regolamento organico del personale del Consiglio provinciale, l’Ufficio di presidenza intenda conferire l’incarico di segretario generale che, come indicato nel piano del fabbisogno del personale 2020-2022, risulterà vacante nel corso del 2021;
  4. con quali modalità, fra quelle previste dall’art.8 del Regolamento organico del personale del Consiglio provinciale, l’Ufficio di presidenza intenda conferire l’incarico di dirigente che, come indicato nel piano del fabbisogno del personale 2020-2022, risulterà vacante nel corso del 2021;

2 Replies to “Consiglio provinciale Trento: nessuna programmazione sul personale e si naviga a vista!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...