Mafie: chiesti al Ministro dell’Interno verifiche e accertamenti su infiltrazioni mafiose in Trentino

Depositata in Parlamento dal Deputato del Movimento 5 stelle Riccardo Fraccaro un’interrogazione sul caso del Comune di Lona Lases e sui fatti che si riferiscono all’inchiesta Perfido, condotta dalla Procura di Trento insieme ai Ros dei carabinieri, e che nell’ottobre del 2020 ha portato a scoperchiare la presenza della criminalità organizzata nella Provincia autonoma.

«Ho chiesto al Ministro dell’Interno – ha dichiarato il deputato Riccardo Fraccarose sia a conoscenza dei fatti e se, a tale riguardo, abbia svolto verifiche o accertamenti di competenza circa l’ipotesi di condizionamento dell’attività dell’amministrazione comunale di Lona Lases o di altre amministrazioni da parte della criminalità organizzata e, in caso affermativo, quale sia stato l’esito di tali verifiche. La forte presenza della ‘ndrangheta in Trentino è stata registrata già a partire dagli anni ’80, ma solo recentemente se ne è parlato anche grazie all’attività del Movimento 5 Stelle e alla coraggiosa denuncia del segretario comunale di Lona Lases, Marco Galvagni, che aveva indicato conflitti di interessi e intrecci societari sui quali si sarebbe dovuto vigilare maggiormente. La nostra attenzione – conclude Fraccaro – su questi fatti rimarrà altissima perché non vogliamo che accada di nuovo che la malavita possa agire indisturbata per decenni sul territorio del Trentino», ha dichiarato il deputato Riccardo Fraccaro .

Un intervento per il quale si congratula il Consigliere provinciale trentino Alex Marini, che a sua volta afferma: «Ringrazio l’ex ministro Fraccaro per l’interrogazione parlamentare che ha depositato riguardo alle vicende del Comune di Lona-Lases conseguenti all’Operazione Perfido. I temi sono gli stessi sollevati anche da noi in sede provinciale con l’interrogazione 2749/XVI, che però è stata inspiegabilmente coperta da numerosi omissis in sede di pubblicazione. I fatti di Lona Lases sono gravi e ciò che pare delinearsi a seguito dell’intervento delle forze dell’ordine dipinge un quadro a tinte fosche sull’estensione e sulla qualità dei condizionamenti che i soggetti coinvolti potevano mettere in campo a tutti i livelli amministrativi e giudiziari della Provincia di Trento. Dopo anni spesi a giurare che “da noi la mafia non esiste” e a fare la guerra a chi osava dissentire, la politica trentina dovrebbe fare un bagno di umiltà e mettersi pancia a terra per combattere fenomeni che rappresentano un pericolo mortale per l’economia e la stessa struttura sociale provinciale. Con rammarico ci troviamo invece a constatare che ancora una volta si preferisce nascondere la polvere sotto il tappeto. Anche per questo motivo riteniamo utilissimo l’intervento in sede parlamentare dell’ex ministro Fraccaro. Laddove la Provincia non vuole intervenire forse procederà lo Stato».

Lo dichiarano in una nota congiunta Riccardo Fraccaro, ex sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri e Alex Marini, Consigliere della Provincia autonoma di Trento per il Movimento 5 Stelle.

One Reply to “Mafie: chiesti al Ministro dell’Interno verifiche e accertamenti su infiltrazioni mafiose in Trentino”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...