La maggioranza rifiuta di verificare se il suo piano opere è coerente col PNRR

Una delle proposte di ordine del giorno (la 52/141/XVI) presentate dal M5S nel corso dell’ultima seduta di Consiglio provinciale riguardava la verifica della coerenza di tutta una serie di opere pubbliche preventivate dall’attuale giunta rispetto agli obiettivi nazionali ed europei in fatto di efficienza energetica, riduzione delle emissioni climalteranti e mobilità sostenibile. Si parla di progetti controversi quali ad esempio il prolungamento della A31 in territorio trentino che con la decarbonizzazione e il new green deal europeo (cioè col motivo per cui l’Unione Europea ci dà i soldi del PNRR) c’entrano come i cavoli a merenda. 

Non sorprenderà apprendere che la maggioranza ha bocciato il nostro ordine del giorno. Lo avessero approvato avrebbero dovuto ammettere che il vecchissimo piano delle infrastrutture stradali che stanno portando avanti è del tutto incompatibile con i criteri che animano non solo le politiche europee e nazionali ma, almeno in teoria, pure quelle fatte proprie dalla stessa giunta provinciale, ad esempio nella Strategia provinciale per lo sviluppo sostenibile.

Purtroppo siamo di fronte alla solita famelica ipocrisia della maggioranza. I soldi provenienti dalle casse europee fanno gola e per ottenerli bisogna almeno dare l’impressione di star lavorando per combattere il cambiamento climatico. Solo che del cambiamento climatico e dei disastri che comporta a questa classe politica in realtà non importa nulla, quindi a impegnarsi per contrastarlo non ci pensano proprio. Eccoli dunque pronti ad assumere impegni fittizi per poi portare avanti la solita strategia di sviluppo basata su cemento, asfalto e trasporto su gomma… in attesa del prossimo disastro ambientale, che nell’ottica di questa gente verrà buono per piangere qualche morto a favore di telecamera, battersi il petto, raccontare quanto sia grave la situazione, promettere interventi “decisivi”… per poi fare ancora una volta come nulla fosse successo e continuare a gestire la cosa pubblica a favore di speculatori e affaristi vari.

* * * * *

Proposta di ordine del giorno n. 52/141/XVIFabbisogno energetico e materiale terrestre necessario per realizzare le opere previste nel DPS 2021-2023” depositata in data 07 giugno 2022

Collegata al disegno di legge n. 141/XVI “Misure di semplificazione e accelerazione in materia di opere pubbliche, espropri, gestione del territorio e valutazioni ambientali per il perseguimento degli obiettivi del piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e del piano nazionale per gli investimenti complementari (PNC): modificazioni delle relative leggi provinciali”

In attuazione del Regolamento (UE) 2018/1999 il MISE, il MIT ed il Ministero dell’Ambiente hanno redatto e pubblicato il testo del  Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima, inviato a dicembre 2019 alla Commissione europea;

il Piano stabilisce gli obiettivi nazionali al 2030 sull’efficienza energetica, sulle fonti rinnovabili e sulla riduzione delle emissioni di CO2, nonché gli obiettivi in tema di sicurezza energetica, interconnessioni, mercato unico dell’energia e competitività, sviluppo e mobilità sostenibile, delineando per ciascuno di essi le misure che saranno attuate per assicurarne il raggiungimento;

il Piano si struttura sulle seguenti  5 linee di intervento, al cui interno sono previsti interventi nel settore dei trasporti:

  1. decarbonizzazione, al quale si prevede che dovrà dare un contributo significativo il settore dei trasporti (non incluso nel sistema di scambio di quote EU ETS);
  2. efficienza energetica, nel cui ambito, per i trasporti si attribuisce rilievo prioritario alle politiche per il contenimento del fabbisogno di mobilità e all’incremento della mobilità collettiva, in particolare su rotaia, compreso lo spostamento del trasporto merci da gomma a ferro; per la mobilità privata e merci, si intende promuovere l’uso dei carburanti alternativi e in particolare il vettore elettrico, accrescendo la quota di rinnovabili attraverso strumenti economici e di natura regolatoria, coordinati con le autonomie locali;
  3. sicurezza dell’approvvigionamento energetico;
  4. sviluppo del mercato interno dell’energia;
  5. ricerca, innovazione e competitività.

con delibera n. 938 del 11 giugno 2021 è stato adottato il “Documento di programmazione settoriale (DPS) 2021 – 2023 in materia di Infrastrutture e trasporti – Sezioni Infrastrutture stradali statali e provinciali – Infrastrutture ciclopedonali”. Fra le opere più significative si evidenziano le seguenti:

  • “Opera S-961 – Interventi di potenziamento e messa in sicurezza della SS 240 “di Loppio e Val di Ledro” nel tratto Mori – Passo S. Giovanni” (’opera è distinta in 3 unità funzionali: UF1 – Variante di Loppio; UF2 – Sistemazione e adeguamento loc. “Fanum” UF3 – . S. Giovanni – Lungolago Loppio (UF6 di S-815));
  • Opera S-960 – Interventi di ripristino, sistemazione e miglioramento sismico di ponti stradali” (due interventi identificabili come unità minime funzionali: UF 1 Ponte Nogarè; UF 2: Ponte sul Rio delle Casare – Pinè.);
  • Opera S-310 – S.S. 239 di Campiglio – Variante di Pinzolo (interventi suddivisi in due unità minime funzionali autonome: “UF1 – Bypass di Pinzolo e Carisolo”, oggetto dei finanziamenti a bilancio e per la quale si procede alla realizzazione; “UF2 – Bypass di Giustino”, la cui realizzazione è subordinata all’acquisizione delle relative risorse finanziarie a copertura della spesa.);

inoltre, sono previsti interventi collegati alle Olimpiadi Invernali 2026, finanziati per intero con entrate statali, per complessivi euro 56 milioni, di cui:

  • Opera S-994: S.P. 102 delle Piramidi – Collegamento Piazze – Segonzano – 2° intervento (Comune Bedollo) – completamento. Il costo stimato è di euro 7.800.000,00;
  • Opera S-995: Interventi puntuali di messa in sicurezza della SP71. Il costo complessivo stimato è di euro 8.200.000,00;
  • Opera S-993: Interventi infrastrutturali per il BUS RAPID TRANSIT. Il costo complessivo stimato è di euro 40.000.000,00;

più avanti nella medesima delibera viene affermato che l’Opera S-990 “Studi urgenti per interventi di messa in sicurezza della rete stradale di interesse provinciale (SS e SP)” viene ridefinita inserendo i seguenti interventi:

  • “Opera S-992 – Interventi per la sistemazione della viabilità lungo la SS 50 del Passo Rolle e per la riqualificazione della zona centrale di San Martino di Castrozza”;
  • “Opera n. C-90 – Interventi per la messa in sicurezza della Strada Statale 47 della Valsugana e realizzazione di percorsi ciclopedonali lungolago, che appare corretto classificare nella Sezione Infrastrutture stradali, a causa delle implicazioni tra ciclabile e statale;

inoltre viene previsto che nel DPS sono ricompresi gli interventi interessati dalla delibera 575/2021 (nomina Commissari di cui all’art. 60 bis della legge provinciale 13 maggio 2020 n. 3 per la realizzazione di opere pubbliche o d’interesse pubblico di competenza della Provincia), per i quali si rinvia a successivi provvedimenti per quanto riguarda eventuali modifiche di organizzazione e gestione delle risorse relative;

con delibera n. 2239 del 23 dicembre 2021 è stato modificato ed integrato il Documento di programmazione settoriale (DPS) 2021 – 2023 in materia di Infrastrutture e trasporti – Sezioni Infrastrutture stradali statali e provinciali – Infrastrutture ciclopedonali. In particolare si sono aggiunti quasi 187 milioni al piano di investimenti, le opere finanziate sono le seguenti:

  • variante di Ponte Arche (67,2 milioni)
  • variante Campitello-Canazei – Bypass di Canazei (75 milioni)
  • svincolo di Borgo est sulla statale 47 della Valsugana (13 milioni)

il progetto della circonvallazione ferroviaria di Trento prevede di realizzare una variante della linea storica Verona-Brennero, nel tratto che attraversa la città, e la realizzazione della nuova stazione Trento Nord della linea ferroviaria Trento-Malè. La parte centrale del tracciato si sviluppa totalmente in galleria. Questa opera civile, la più importante prevista dal progetto, avrà una lunghezza totale di 10,77 km circa. Per ridurre i tempi di esecuzione, lo scavo verrà realizzato utilizzando quattro TBM (Tunnel Boring Machine) che lavoreranno in contemporanea (Dibattito Pubblico Circonvallazione ferroviaria di Trento – gennaio 2022);

con i proventi della gestione della concessione dell’A22, in aggiunta alla realizzazione dell’autostrada Cispadana e la Campogalliano-Sassuolo tramite due società giuridicamente autonome, è in programma un piano di investimenti nell’ordine di 6 miliardi di euro. Nel programma sono previsti interventi non solo per quanto riguarda digitalizzazione, transizione ecologica e intermodalità, ma soprattutto opere infrastrutturali a livello sovraregionale tra le quali emerge la terza corsia, dinamica da Bolzano Nord a Verona ed effettiva da Verona a Modena, il terminal intermodale di Isola della Scala e il porto fluviale di Valdaro, oltre ad investimenti stradali nelle province attraversate dall’A22 quantificati per un totale di 800 milioni (Prima rata da 95 milioni per la concessione di A22 – L’Adige, 12 dicembre 2021);

un’altra opera da aggiungere a quelle sopra descritte è l’autostrada Valdastico Nord che si vorrebbe costruire a seguito dell’adozione della variante al Piano Urbanistico Provinciale il cui iter di approvazione è in corso. La delibera preliminare è stata trattata in via informale in Terza Commissione nel mese di febbraio e si vorrebbe inserire la discussione formale nel calendario dei lavori consiliari previsti per marzo (Illustrato il documento preliminare della Variante al Pup. Iniziata la discussione sulla Valdastico – Giornale online del Consiglio provinciale, 24 febbraio 2022);

nel documento presentato in occasione delle consultazioni in Terza Commissione il 3 febbraio 2022 dal Coordinamento No Valdastico si mette in evidenza come l’allungamento dell’autostrada A31 in territorio trentino va in direzione opposta rispetto a tutti gli obiettivi nazionali, europei ed internazionali di sostenibilità economica ed ambientale. Nel documento si evidenzia quanto segue: “Un primo immediato riferimento riguarda gli obiettivi presenti nel Green New Deal ed in aggiunta le recenti linee del pacchetto “Pronti per il 55%“. Mentre il primo si è posto quale obiettivo la neutralità climatica entro il 2050 il secondo, stimolato anche dal sesto rapporto sul clima del IPCC il più importante organismo internazionale sul clima, sta rivedendo alcuni obiettivi per raggiungere la riduzione del 55% delle emissioni già entro il 2030. Centrale in questi piani è la voce trasporti considerato uno dei settori prioritari sui quali mettere in atto trasformazioni efficaci e rapide, punto nodale delle azioni è il trasferimento del traffico veicolare leggero e pesante da gomma a rotaia, attuando una politica di multimodalità dei trasporti”;

sempre nel documento viene rimarcata l’enorme distanza del progetto della Valdastico con la Convenzione per la protezione delle Alpi che contiene i principi guida per una vita sostenibile nelle Alpi, ora e in futuro. La Convenzione costituisce la base giuridica per la salvaguardia dei sensibili ecosistemi alpini, delle identità culturali regionali, del patrimonio e delle tradizioni delle Alpi. Oltre alla Convenzione è importante richiamare tre Protocolli attraverso i quali la Convenzione viene attuata: “Pianificazione territoriale e sviluppo sostenibile”; “Difesa del suolo”; “Trasporti”, tutti ratificati ed entrati in vigore in Italia nel 2013;

è pacifico che qualora si dovesse procedere alla realizzazione di tutte le opere sopra descritte, si determinerebbe la rimozione e il trasporto di un’enorme quantità di materiale terroso e roccioso, la produzione di ingenti quantità di cemento e dunque l’emissione di una notevole quantità di CO2 e di gas climalteranti. Lo studio pubblicato sul sito dell’Associazione per lo Studio del Picco del Petrolio – Sezione italiana di ASPO International dimostra come il cemento sia la terza più importante sorgente di emissione di CO2 dopo l’uso dei fossili e il cambio dell’uso del suolo. (Le conseguenze della produzione di cemento su sito di ASPO – di Dario Zampieri);

l’obiettivo di riduzione delle emissioni si raccorda con gli obiettivi della Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile (SNSvS) e in particolare con i seguenti:

21. minimizzare le emissioni e abbattere le concentrazioni inquinanti in atmosfera;

24. assicurare elevate prestazioni ambientali di edifici, infrastrutture e spazi aperti;

42. incrementare l’efficienza energetica e la produzione di energia da fonte rinnovabile evitando o riducendo gli impatti sui beni culturali e il paesaggio;

44. abbattere le emissioni climalteranti nei settori non-ETS (Emissions Trading System);

il Piano energetico ambientale provinciale (PEAP), comprensivo dell’allegato Scenario di riduzione delle emissioni del comparto industriale trentino”, contempla complessivamente una serie di interventi per una riduzione dei consumi di energia primaria di 64.128 Tonnellate equivalenti di petrolio (TEP) entro il 2030, pari al 22,6% dei consumi industriali, corrispondente ad una contrazione delle emissioni del 21,6%;

“Trentino Clima 2021–2023” è il programma coordinato dall’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente (APPA), che porterà all’adozione di una Strategia Provinciale di Mitigazione e Adattamento ai Cambiamenti Climatici. Nell’agosto 2021 la giunta provinciale, su proposta del vicepresidente e assessore all’urbanistica, ambiente e cooperazione, ha approvato il programma di lavoro che punta ad orientare l’azione di contrasto ai cambiamenti climatici dell’amministrazione provinciale;

Tutto ciò premesso, il Consiglio impegna la Giunta

  1. ad effettuare una stima del fabbisogno di energia necessario per realizzare le opere elencate nelle premesse e più in generale tutte le opere inserite nel Documento di programmazione settoriale (DPS) 2021 – 2023 in materia di Infrastrutture e trasporti,  nonché di stimare le conseguenti emissioni di gas climalteranti derivanti dallo svolgimento dei suddetti lavori e dal processo di produzione e di trasporto del cemento da impiegare nelle infrastrutture in programma;
  2. a procedere con la quantificazione del materiale terrestre asportato per la realizzazione di tutte le opere inserite nel Documento di programmazione settoriale (DPS) 2021 – 2023 in materia di Infrastrutture e trasporti, anche nella prospettiva del relativo stoccaggio in apposite aree preventivamente individuate;
  3. a verificare la conformità del Documento di programmazione settoriale (DPS) 2021 – 2023 in materia di Infrastrutture e trasporti con gli obiettivi del PNIEC, della Spross, del PEAP, del bilancio energetico della PAT e di Trentino Clima 2021–2023 e a riportare l’esito della verifica in una relazione scritta da illustrare alla commissione consiliare competente entro 120 giorni dall’approvazione del presente ordine del giorno;

* * * * *

Telegram
Facebook
Twitter
LinkedIn
YouTube
Iscriviti alla newsletter mensile

One Reply to “La maggioranza rifiuta di verificare se il suo piano opere è coerente col PNRR”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...